Prestiti per giovani imprenditori: cosa sono e come richiederli

Un prestito per giovani imprenditori può essere davvero fondamentale per supportare l’economia locale e quella dell’intero Paese. Ma c’è bisogno di chiarezza sulle procedure necessarie per chiederlo e ottenerlo. Ovviamente in tempi minimi e utili.

I business dei più giovani possono sollevare le condizioni finanziarie di una regione. Vi sono dei requisiti da rispettare per accedere alle agevolazioni, ma nel complesso questi progetti sono a dir poco importanti per lo sviluppo delle diverse attività commerciali.

Come si richiede un prestito per i giovani imprenditori? Quali sono le differenze tra le varie tipologie di facilitazione? Ecco cosa devi sapere per avere nuova liquidità nelle casse della tua azienda, magri della tua startup, e raggiungere gli obiettivi tanto sperati.

Cos’è un prestito per giovani imprenditori

Il prestito per giovani imprenditori è una soluzione di finanziamento personale ideata per chi ha intenzione di avviare un’attività in proprio. L’agenzia per lo sviluppo d’impresa Invitalia ha previsto agevolazioni valide su tutto il territorio italiano: in particolare il prestito nuove imprese a tasso zero garantisce un finanziamento a tasso zero per coloro che hanno un progetto di impresa con copertura di non più del 75% delle spese complessive e comunque fino a un massimo di 1 milione e mezzo di euro. Per accedere al finanziamento è necessario non avere più di 35 anni.

Tipi di prestito per chi inizia un piccolo business

Un primo elemento su cui dobbiamo soffermarci per capire come chiedere un prestito per giovani imprenditori: di cosa stiamo parlando esattamente? In cosa si distinguono le tre categorie principali di finanziamento, ovvero a fondo perduto, d’onore e a tasso zero?

Prestito a fondo perduto

Anche per un prestito rapido online è importante confrontare Tan e, soprattutto, il Taeg. Questo è il tasso che include i costi del finanziamento, sia variabili che invariabili, di cui fanno parte le spese necessarie per aprire la pratica del finanziamento acquisto auto.

Tempo

Innanzitutto, un prestito regionale per giovani imprenditori a fondo perduto è messo a disposizione per il piccolo credito e per le start-up. Nella maggioranza dei casi, gli obiettivi di base sono l’innovazione scientifica e tecnologica e l’autoimpiego.

Questo è il motivo per cui le somme sono destinate alle aziende minori. Non di rado, però, sono offerte alle società consolidate che si trovano in territori difficili o svantaggiati.

Di solito, per usufruire di questa modalità di prestito per giovani imprenditori sono indetti dei bandi. Vi saranno dei criteri da soddisfare, come un programma valido e adeguato.

Prestito d’onore

Questa è la versione più articolata di quello a fondo perduto. Prevede sia un assegno a fondo perduto, che non deve essere restituito, sia un capitale da rimborsare a rate. 

I beneficiari sono tutti i neolaureati e disoccupati che desiderano avviare subito la propria carriera con una start-up che creerà nuovi posti di lavoro. Questo è il prestito d’onore per giovani imprenditori che vogliono mettere a frutto le proprie competenze.

Prestiti a tasso zero

Per alcuni, il più semplice da ottenere perché la cifra andrà resa completamente. Non ci sarà un bando nazionale o regionale, e gli standard cui aderire sono meno severi e rigidi. 

In più, i giovani che fanno domanda per un simile finanziamento spesso possono risarcire la banca senza interessi. In effetti, è proprio per questo che si parla di prestito a tasso zero. Per fortuna, le agevolazioni per giovani imprenditori sono numerose e variegate.

I requisiti per richiedere il prestito

Come chiedere un prestito per giovani imprenditori? Bisogna avere un’età inferiore ai 35 anni ed essere disoccupati o studenti. Queste sono le prime due caratteristiche da tenere in considerazione quando ci si iscrive al bando o si contatta l’istituto di credito.

Naturalmente, è importante aver già pronto un progetto. Che deve essere curato nei minimi dettagli. Esso deve essere connesso all’inaugurazione di una società, che sia una cooperativa, una SPA, una SAS o una SNC, per garantire future opportunità di assunzione.

Chi ha tutte le carte in regola riceverà il finanziamento. Questo non sarà mai elevatissimo (in linea di massima il limite è di 50.000 euro per i prestiti a tasso zero e di 15.000 euro per quelli a fondo perduto), ma rappresenterà comunque un validissimo aiuto.

Quali sono i documenti necessari?

Siamo quasi alla fine del percorso per capire come chiedere un prestito per giovani imprenditori. Quali documenti devi avere per accedere al prestito agevolato? 

  • carta di identità
  • codice fiscale
  • progetto scritto

Quest’ultimo deve essere particolareggiato e preciso – con strumenti, obiettivi, persone coinvolte, iniziative ecc. Si consiglia, poi, di puntare su garanzie come eventuali immobili e terreni di proprietà, e sul credito del conto corrente. Vuoi maggiori informazioni? Chiedi una consulenza per accedere al prestito agevolato per giovani imprenditori.