Come chiedere un prestito senza garanzie?

Ti stai chiedendo come ottenere un prestito senza garanzia? Per avere accesso a un prestito, nella maggior parte dei casi, sono necessarie garanzie aggiuntive, come, ad esempio, la firma di un garante o l’ipoteca su un immobile di valore adeguato. 

Come fare nel caso in cui non ci sono garanzie? C’è la cessione del quinto: si tratta di una soluzione che viene scelta sempre più da chi ha bisogno in tempi rapidi di denaro extra.

Cos’è la cessione del quinto, definizione

Un finanziamento personale al consumo, destinato ai lavoratori dipendenti e ai pensionati, che risulta liquidabile nel 95% dei casi circa. Quali sono i vantaggi?

In primo luogo l’iter burocratico è uno dei più brevi. Vi sono degli standard ai quali aderire, il che vale sia per il professionista sia per la sua azienda. Approfondiamo l’argomento.

Tempi ridotti per avere il prestito

L’opportunità è quella di avere a disposizione una determinata somma in poche settimane, così da poter intraprendere progetti, investimenti legati a un business e così via.

Si tratta di un prestito non finalizzato

La cifra non è finalizzata a un acquisto specifico, e le motivazioni della richiesta non vanno per forza dichiarate presso la banca o, comunque, l’istituto di credito selezionato.

Prestito senza garanzia: l’importo massimo erogabile

Una piccola precisazione: la liquidità che si riceve tramite cessione del quinto dello stipendio ha un limite, che corrisponde a 75.000 euro. Questo è il tetto massimo, oltre cui non si può andare. Nel complesso, l’entità del prestito è stabilita tenendo in conto i seguenti fattori:

  • Durata del contratto.
  • Salario netto mensile.
  • TFR (Trattamento di Fine Rapporto).

Le rate di restituzione sono pari al 20% dello stipendio o della pensione, un quinto. È evidente che più elevata è la paga del lavoratore, più alta sarà la rata e l’importo ottenibile.

Questa è una prima condizione che bisogna ricordare quando si fa domanda per la cessione del quinto. Soddisfarla è semplice, cosa che già in parte risponde al nostro quesito iniziale – perché questi prestiti sono liquidabili quasi sempre, almeno nel 95% dei casi?

Cessione del quinto e criteri aziendali

Questa tipologia di prestito senza garanzia deve essere approvato dalla società presso cui è impiegato il richiedente. Verso la fine del procedimento, infatti, è necessario che il contratto:

  • Sia letto dal datore di lavoro.
  • Abbia il suo benestare.

È indispensabile, inoltre, che i dipendenti privati abbiano la cittadinanza italiana e siano assunti da minimo 6 anni. A ciò si aggiunge un altro criterio: un TFR di 5.000 euro o più. 

Ovviamente questi requisiti possono variare a seconda del contesto, ma di solito le oscillazioni non sono molto significative. È importante che l’azienda – che sia SRL, SNC o SAS – abbia un organico non inferiore alle 5 persone, e che sia ritenuta affidabile

L’obiettivo è ridurre i rischi e aumentare le garanzie, soprattutto nei periodi considerati critici. Va rilevato che per avere accesso alla cessione del quinto è necessario sottoscrivere una assicurazione rischio vita, così come previsto dall’articolo 54 del D.P.R. n. 180/1950.

Prestiti con cessione del quinto liquidabili in numerosi casi

Uno dei lati positivi della cessione del quinto: il finanziamento è liquidabile nel 95% dei casi. Questo prestito senza garanzia può essere richiesto anche da un cattivo pagatore

Il beneficiario ha un’età che va da 18 anni a 85 anni, un limite che talvolta è esteso a 90 o addirittura a 95 anni. Nulla di meglio per ricevere velocemente liquidità extra.

Hai bisogno di un prestito senza garanzia?

Necessiti di un prestito senza garanzia e vuoi maggiori ragguagli in proposito? Contattaci subito e risponderemo a ogni tua domanda, proponendo una soluzione su misura.