Come chiedere finanziamento per ristrutturare casa

Il finanziamento per ristrutturare casa è un tipo di prestito che si può richiedere per ottenere liquidità destinata a vari tipi di intervento. Infatti, con un prestito per ristrutturazione è possibile pagare gli interventi di manutenzione straordinaria della tua dimora.

Sono lavori che riguardano elementi portanti o primari, come nel caso della copertura, primari. Senza dimenticare i lavori di manutenzione ordinaria, fra i quali rientrano gli interventi di portata limitata (una nuova pavimentazione,il rifacimento di un intonaco).

Un prestito ristrutturazione prima casa serve anche per finanziare imprese che servono a modificare il perimetro della casa e delle pertinenze. Quindi non solo l’ampliamento dei locali, ma anche opere come la costruzione di un parcheggio o di un garage.

 

Cosa serve per ottenere il prestito per ristrutturare

Il prestito per la ristrutturazione è una delle possibilità che vale la pena di prendere in considerazione nel novero dei finanziamenti per ristrutturazione, insieme con il mutuo.

A differenza di quel che accade con un mutuo, però, in questo caso si ha a che fare con un processo molto più rapido e snello. Sia perché non c’è bisogno di ricorrere a un notaio, sia perché non serve alcuna ipoteca. C’è solo un vincolo che deve essere rispettato, dal momento che la somma che può essere concessa non deve superare i 50mila euro.

Un altro aspetto interessante di questo finanziamento per effettuare la ristrutturazione casa o appartamento consiste nel fatto che non occorrono garanzie mirate per usufruirne.

Come è fatto il contratto per il finanziamento

Il contratto per un prestito ristrutturazione casa deve specificare l’importo del finanziamento e le modalità con le quali viene concesso, ma anche il tasso di interesse e tutte le condizioni che vengono applicate, a cominciare dagli oneri maggiori in caso di mora.

Inoltre devono essere specificate le garanzie richieste, nel caso in cui siano presenti, e le condizioni analitiche in base alle quali si può modificare il Taeg, il tasso annuo effettivo globale. Vanno individuate le coperture assicurative che non sono comprese nel Taeg e:

  • Numero delle rate.
  • Importi.
  • Scadenze.

La richiesta del prestito per ristrutturazioni casa

Non è detto che tutte le richieste di prestito finalizzato a una ristrutturazione siano accettate. La valutazione di finanziarie e istituti di credito tiene conto di più parametri, a cominciare dal reddito del richiedente, da considerare in proporzione alla rata di rimborso.

Ciascuna banca, poi, applica delle politiche di rischio che si fondano sulle informazioni statistiche che possiede, nel contesto del cosiddetto credit scoring. In pratica, si tratta della procedura di valutazione automatizzata che prevede verifiche e analisi dei dati relativi al richiedente, e serve a fare in modo che le insolvenze non superino una certa soglia.

Quali sono i requisiti da rispettare

Per accedere a un finanziamento di questo tipo non è necessario soddisfare dei requisiti precisi, eccezion fatta per quelli richiesti per qualunque genere di finanziamento. 

Il richiedente deve possedere un reddito certo e, al tempo stesso, vantare una posizione creditizia che dimostri la sua affidabilità finanziaria. Questa corrisponde al livello di rischio correlato alla richiesta, in funzione delle comunicazioni provenienti dalle centrali rischi.

Un soggetto che ha alle spalle un insoluto o una storia di rimborsi in ritardo non può essere ritenuto molto affidabile: le probabilità che la sua richiesta venga accettata si riducono.

Per ridurre il rischio di far rifiutare la richiesta si può far riferimento alla cessione del quinto, per la quale è necessario avere una pensione o di uno stipendio come lavoratori dipendenti.

Quali documenti sono necessari

Per la richiesta del prestito è necessario avere con sé i vari documenti indispensabili in caso di finanziamento: il CUD, le ultime buste paga, un documento di identità, e così via.

Qui c’è bisogno dei documenti relativi alla casa e ai lavori da fare. Nel caso di grandi opere servono il permesso e il contributo di costruzione, mentre per gli interventi di manutenzione ordinaria è sufficiente il preventivo di spesa che deve essere fornito dall’impresa costruttrice.

Richiedi Consulenza o Preventivo