Rinnovare la Cessione del Quinto diventa ancora più conveniente

Rinnovare la cessione del quinto nel 2021 diventa ancora più conveniente grazie all’ultimo Decreto Sostegni bis che recepisce una famosa sentenza della Corte di Giustizia Europea: la sentenza Lexitor.

Cos’è la sentenza Lexitor?

Hai mai sentito parlare della sentenza Lexitor? Da quando era stata emanata dalla Corte di Giustizia Ue l’11 settembre del 2019 questa sentenza ha fatto discutere molto, arrivando a creare delle vere e proprie frizioni tra i consumatori e gli istituti di credito e finanziari europei.

Si tratta di una sentenza che vuole andare incontro ai consumatori che hanno richiesto un finanziamento -quindi anche una Cessione del Quinto– e hanno intenzione di estinguerlo, o lo hanno già fatto, prima della fine dell’ultima rata. Per questi ultimi secondo la sentenza Lexitor, sarebbe prevista una riduzione totale del costo del finanziamento compresi i costi dovuti come imposte, interessi e commissioni. In breve quindi, tratta il rimborso anticipato dei finanziamenti e pone delle regole solide per tutelare il richiedente.

Al momento della sua emissione nel 2019 tuttavia, tale sentenza ha creato delle tensioni e numerose incognite in quanto non era stato specificato se gli enti finanziatori dovessero emettere retroattivamente tali riduzioni e rimborsare i costi di gestione del prestito, ormai rientrati a tutti gli effetti nel bilancio aziendale.

Sentenza Lexitor e Cessione del Quinto: cosa cambia

Si arriva dunque al 2021 quando, il 22 luglio scorso, il Senato italiano rinnova la fiducia al governo e approva di conseguenza anche il Decreto Sostegni bis. Proprio con l’approvazione del Decreto Sostegni bis entra in vigore anche una modifica al Testo unico bancario relativo al rimborso anticipato dei contratti di credito ai consumatori.

Ecco quindi la risposta: in materia di prestiti e in particolare anche di Cessione del Quinto, nel caso in cui il consumatore volesse saldare il debito prima del tempo, egli, beneficiario del prestito, avrà diritto al rimborso di una parte dei costi sostenuti relativi a tutto il periodo in cui non godrà o non ha goduto più del finanziamento. Come abbiamo già anticipato rientrano in questi costi le spese fisse di istruttoria, interessi e commissioni, mentre vengono esclusi i bolli e le tasse.

Il vantaggio? Un forte risparmio in fase di rinnovo

Se hai già una Cessione del Quinto in corso, in fase di rinnovo il tuo precedente istituto dovrà conteggiare questi costi e rimborsarli.

Attenzione però: non tutti gli istituti calcolano allo stesso modo, e non tutti si sono adeguati correttamente. Per questo è importante affidarti ad un consulente del credito esperto che dia le informazioni corrette e ti aiuti nel valutare correttamente le offerte di rinnovo.

Hai bisogno di un preventivo?

Se desideri un preventivo per il rinnovo della cessione del quinto, non esitare a contattarci! Il nostro team risolverà ogni tuo dubbio e ti aiuterà a trovare la modalità di prestito più adeguata alle tue esigenze.  

Richiedi Consulenza o Preventivo